Rinascere ancora una volta

Fra questi ci sono le guerriere del gruppo LILT La Rinascita, che raccoglie e unisce donne che si trovano a vivere lo "tsunami" tumore al seno. La loro condivisione di esperienze e speranze permette a chi è più in difficoltà sia di trovare supporto che di darne: chi ora consola è stata a sua volta consolata, chi sembra forte ha superato la debolezza perché altre l'hanno sostenuta.
In questi lunghi mesi, in cui la precauzione e la continuità sono sempre state per l’Associazione al primo posto, le "Rinate" non si sono lasciate demoralizzare. Non potendosi incontrare fisicamente, hanno trovato nelle piattaforme informatiche il loro nuovo “salotto,” in cui ristorarsi e condividere la comune esperienza. Costantemente guidate dall’insostituibile Dottoressa Francesca Caré e dall’inossidabile referente Deliana Misale.
Chiuse fra le quattro mura di casa, le pazienti de La Rinascita hanno spalancato le finestre digitali per riconoscere i reciproci volti attraverso le webcam, ritrovare il loro luogo protetto in cui sentirsi pienamente libere di far emergere ogni timore, scoperchiare ogni inquietudine e dubbio. Senza sentirsi giudicate ma grazie alla vera condivisione che a volte manca con chi ci vive fisicamente vicino. Il paziente oncologico spesso finisce col coltivare la paura senza volerlo ammettere con chi ama di più, proteggendo con un silenzio che sa diventare un nuovo dolore.
Il mutuo aiuto ha dimostrato in questi mesi d’essere una risorsa fondamentale che la distanza non riesce a minare.